Quanto costa costruire un mobile fai da te: la guida completa

Condividi L'articolo su

Costruire qualcosa con le proprie mani è sempre una gran soddisfazione soprattutto se questo può essere posto in bella vista in modo da farlo ammirare a tutti. Se hai intenzione di costruire un mobile fai da te ecco tutto quello che ti occorre sapere prima di metterti all’opera.

Il fai da te è una vera e propria arte per alcuni, per altri è un valido modo per rilassarsi e per altri ancora è utile per risparmiare dal punto di vista economico unitamente al fatto che creare qualcosa con le proprie mani è in assoluto una bellissima sensazione. Per costruire un mobile fai fa te è innanzitutto importante avere una certa manualità e dimestichezza con l’attrezzatura di base. Dopodiché è fondamentale avere ben in mente ciò che si vuole realizzare e poi tramutare l’idea in un vero e proprio progetto. Fatto ciò sarà necessario procurarsi tutti i materiali che occorrono per realizzare concretamente il proprio mobile.

Quanto costa costruire un mobile fai da te?

Non si può rispondere in maniera univoca a questa domanda poiché il prezzo oscilla, anche di molto, a seconda di quello che è il materiale che si è deciso di utilizzare e di conseguenze anche delle dimensioni. Più pregiato è il materiale e più grande è il mobile, maggiore sarà il suo costo di realizzazione. Sicuramente il prezzo sarà inferiore rispetto a quello di un mobile realizzato da un artigiano poiché verrà a mancare la quota relativa alla manodopera ma il risultato ovviamente non sarà il medesimo. Dal momento che il fattore principale da cui dipende il costo di un mobile fai da te è il materiale impiegato vediamo un elenco dei prezzi di quelli più rappresentativi e venduti a tale scopo:

  • pannello multistrato fenolico di pino di 60 x 100 centimetri e 9 millimetri di spessore costa circa 22 euro;
  • compensato di pioppo di 100 x 90 centimetri e 4 millimetri di spessore costa circa 24 euro;
  • pannello multistrato di betulla di 50 x 70 centimetri e 18 millimetri di spessore costa circa 32 euro;
  • tavola lamellare di abete di 90 x 150 centimetri e 24 millimetri di spessore costa 90 euro;
  • pannello lamellare di abete di 80 x 200 centimetri e 32 millimetri di spessore costa circa 140 euro.
mobile fai da te

Quanto costa costruire un mobile fai da te: la guida completa – UNSPLASH

I passaggi necessari per costruire un mobile fai da te

Ci sono alcuni passaggio fondamentali da eseguire per lavorare in maniera ordinata e organizzata, eccoli di seguito riassunti.

  • Innanzitutto è bene avere ben chiaro quello che si vuole realizzare ed è molto importante disporre di misure precise sia dello spazio a disposizione sia delle componenti che si andranno poi ad assembrale. Perciò nella fase iniziale è bene progettare in maniera dettagliata il mobile fai da te.
  • Poi segue la scelta dei materiali da utilizzare tenendo conto del proprio budget, della grandezza del mobile e anche dello stile del resto della casa. Qui sarà necessario anche scegliere altre componenti come cerniere, viti o tutto ciò che occorre per assemblare l’opera finale. Ovviamente sarà anche necessario definire, prima di iniziare a lavorare, quali sono gli utensili che occorrono.
  • Una volta che si dispone di tutto ciò che serve per mettersi all’opera è il momento di tagliare le componenti per far sì che combacino alla perfezione rispecchiando le misure prestabilite. Si potrebbe eliminare questa fase in due modi: o acquistando i pezzi della misura che occorre oppure rivolgendosi a terzi che offrono servizi di taglio.
  • Quando tutte le componenti sono pronte è il momento di assemblarle e quindi ottenere alla fine il mobile inizialmente progettato. Se tutto è stato eseguito correttamente questa fase è veloce e anche molto divertente ma soprattutto è quella che darà la vera soddisfazione di aver creato qualcosa con le proprie mani.

Pillole di curiosità – Io non lo sapevo. E tu?

  • Secondo uno studio di YouGov 7 italiani su 10 dedicano parte del loro tempo libero ad attività di fai da te. Il 45% di coloro che hanno risposto al sondaggio ha dichiarato di farlo per aggiustare piccoli elettrodomestici, rubinetti che perdono o prese elettriche difettose. Il 27% rinfresca la propria abitazione, dipingendo le pareti e decorando le stanze. Vi è poi un 13% di uomini che ha dichiarato di realizzare nuovi mobili per arredare la propria casa, mentre il 22% delle donne si dedicato soprattutto alla creazione di oggetti, decorazioni e accessori. Il 48% di coloro che amano il fai da te dice di aver appreso la maggior parte delle nozioni, che mette poi in pratica nel concreto, dai video pubblicati dagli esperti sul web.

TI È PIACIUTO L’ARTICOLO? ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER 

Per altre curiosità e informazioni sugli abitanti continuate a seguirci su www.habitante.it

Condividi L'articolo su
Scritto da

Biologa