Il lavello: un pratico e attraente complemento per ogni cucina

La scelta del lavello per la cucina non è facile, è uno degli elementi più utilizzati sul piano della cucina e per questo merita la dovuta attenzione. Al fine di orientarsi tra la vasta gamma di forme, materiali e parametri, ci sono alcune questioni da considerare. Dopo aver letto questo articolo, sarà chiaro di che tipo di lavello ha bisogno la vostra cucina.

Le giuste dimensioni sono alla base del successo

Nello scegliere un lavello, la prima cosa che si dovrebbe considerare è quanto spesso e per cosa si usa il lavello cucina. Decidete di conseguenza quale tipo fa al caso vostro.

  • Lavelli singoli – sono la scelta ideale per le cucine più piccole. Le versioni quadrate sono le più popolari, ma ce ne sono anche di rotondi sul mercato. Se occasionalmente si lavano i piatti a mano, un gocciolatoio può essere un’utile aggiunta.
  • Lavelli a due vasche – le cucine più grandi e i cuochi accaniti meritano un lavello a doppia vasca. Tenete in considerazione che questo occupa più spazio sul piano della cucina, ma offre abbastanza comfort quando si lavora. Anche un lavello doppio può essere completato da un gocciolatoio.
  • Lavelli ad angolo – dove lo spazio e il vostro gusto lo permettono, un lavello non convenzionale all’angolo del piano della cucina può essere un’opzione.

In caso aveste già il vostro favorito, passate all’esame dei restanti parametri. Tra questi, al primo posto le dimensioni. Le dimensioni del lavello devono corrispondere alla larghezza del mobile sottostante. Questo è l’unico modo per evitare di doverlo tagliare e altre complicazioni in fase di montaggio.

Una caratteristica pratica è la profondità del lavello, che dovrebbe aggirarsi idealmente intorno ai 19-20 cm. Questo assicura di poter lavare comodamente i piatti senza spruzzi in giro.

Se state progettando una nuova cucina e vi chiedete a che altezza montare il lavello, adattatelo all’altezza del membro della famiglia che passerà più tempo in cucina. L’altezza giusta è deducibile ponendo le mani sul fondo del lavello senza piegarsi o chinarsi. Questo è l’unico modo per sentirsi a proprio agio anche quando si lavora al lavello per lunghi periodi di tempo.

lavello cucina

Il lavello: un pratico e attraente complemento per ogni cucina – Sanitino

Il materiale che soddisfa le vostre aspettative

Un lavello di qualità in acciaio inox diventerà un vostro quasi indistruttibile partner. È solido, resistente alla corrosione, alle alte temperature e ai prodotti chimici. L’acciaio inox ha una superficie liscia e il suo più grande vantaggio è la facile manutenzione e il livello di igiene. Tuttavia, fate attenzione a scegliere un lavello con uno spessore minimo dell’acciaio di 0,6 mm. Nonostante il prezzo allettante, evitate quelli più sottili. Non dureranno a lungo. L’unico aspetto negativo dell’acciaio inossidabile è la sua suscettibilità ai graffi.

I lavelli in granito sono realizzati in granito frantumato, legante acrilico e colorante. Questo rende la loro superficie dura e resistente, ma anche piacevole al tatto. Gli amanti delle cucine non convenzionali ne ameranno la varietà di colori disponibili. È possibile abbinare un lavello in granito a qualsiasi colore dei mobili della cucina. Lo svantaggio è che è più difficile da mantenere, poiché trattiene facilmente lo sporco ed è meno resistente ai detergenti chimici.

Se desiderate l’aspetto distintivo del granito, ma il prezzo è per voi un fattore decisivo, scegliete un lavello in tectonite. Vi assomiglia esteticamente, ma è realizzato in resine di poliestere, fibra di vetro e altri additivi. È robusto e durevole ma, se graffiato meccanicamente, il solco, più profondo, può essere molto visibile (lo strato inferiore del lavello è bianco).

Il re tra i lavelli è quello in ceramica. Si pulisce alla perfezione e appare davvero di lusso sul piano della cucina. Tuttavia, se un oggetto duro e tagliente cade accidentalmente nel lavello, la superficie di questo può esserne danneggiata.

A cosa fare attenzione e cosa non dimenticare

Ogni lavello dovrebbe avere, nella parte superiore, il foro di troppopieno, che assicura lo scarico dell’acqua in caso il livello di questa raggiunga l’orlo. Se desiderate che l’acqua defluisca più rapidamente, scegliete un lavello con foro di scarico più grande, da 3 ½. L’altra opzione è la misura più piccola: 1 1/2. I marchi di qualità forniscono insieme alla piletta anche il filtro a setaccio, per catturare lo sporco.

Ogni lavello ha bisogno del suo rubinetto. Fate attenzione se il lavello ha un foro predisposto per esso, e di quale diametro. Potete abbinare il rubinetto al colore del lavello o acquistare un set in offerta speciale. Un bel dettaglio è il dispenser di detersivo incorporato, che elimina gli antiestetici contenitori in plastica.

Il lavello è una parte importante del piano della cucina. Quello che scegliete influisce sul vostro comfort quando ci lavorate. Prendetevi il vostro tempo e pensate attentamente alla vostra scelta. E non dimenticate che un lavello può essere un aiutante sia bello che pratico.

TI È PIACIUTO L’ARTICOLO?  ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER GRATUITA

Per altre curiosità e informazioni sugli abitanti continuate a seguirci su www.habitante.it

Share Post
Written by