Vai al contenuto
Situazione vaccini

Situazione vaccini in Italia e andamento della pandemia fino a oggi

Condividi L'articolo su

Dopo oltre un anno e mezzo di pandemia e poco meno di dieci mesi di campagna vaccinale quali sono i numeri relativi ai soggetti vaccinati in Italia? Facciamo il punto dell’attuale situazione vaccini. Ad oggi, secondo i dati riportati in tempo reale da il Sole 24 ore il 74,59% della popolazione italiana ha completato il ciclo vaccinale.

Situazione vaccini in Italia e andamento della pandemia fino a oggi

Relativamente alla situazione vaccini nel nostro Paese, complessivamente, contando anche il monodose e i pre-infettati che hanno ricevuto una dose, risulta almeno parzialmente protetto il 78,30% della popolazione italiana. Mentre considerando solo i soggetti con età superiore ai 12 anni, quindi coloro che sono oggetto della campagna vaccinale, rispetto alla platea individuata dal Commissario straordinario per l’emergenza Covid-19 la percentuale di almeno parzialmente protetti è del 85,90%, mentre 81,84% è completamente vaccinato.

La buona percentuale di soggetti vaccinati sembrerebbe arginare la possibilità di una nuova ondata. Ciò, a differenza di quello che invece è accaduto esattamente un anno fa, quando ancora non era disponibile un vaccino contro la Covid-19. Questo conferma l’efficacia della vaccinazione come unico strumento in grado di immunizzare la popolazione al fine di evitare al virus di diffondersi in maniera esponenziale con esiti letali.

Green Pass e lavoratori: ecco le nuove regole

Vaccini obbligatori e Green Pass in Italia

Ad oggi nel nostro Paese l’obbligo vaccinale è previsto solo per il personale sanitario. Non esiste alcuna norma che impone tale obbligo al personale scolastico che però è tenuto al possesso e all’esibizione del Green Pass. Stando a quanto dichiarato dal presidente del Consiglio Mario Draghi, si potrebbe arrivare a estendere l’obbligo vaccinale a tutta la popolazione. Ciò qualora non si arrivasse al 90% di vaccinati entro la fine dell’anno.

Per quanto riguarda il Green Pass, dal primo settembre, ne è richiesto il possesso per accedere nei luoghi al chiusi per i soggetti di età superiore ai 12 anni. Dal 15 ottobre questo è richiesto a tutti coloro che lavorano nel pubblico e nel privato. Si ricorda che la certificazione verde viene rilasciata a coloro che hanno effettuato almeno una dose di vaccino, coloro che sono guariti dalla malattia o coloro che sono in possesso di un referto negativo alla Covid-19.

Situazione vaccini
Situazione vaccini in Italia e andamento della pandemia fino a oggi – SHUTTERSTOCK di M-Foto

Vaccini obbligatori e Green Pass, cosa fanno gli altri Paesi?

Mentre in Italia è attualmente in corso un forte dibattito relativo alla possibilità o meno di rendere obbligatorio il vaccino contro la Covid-19 vediamo qual è la situazione negli altri Paesi europei. La Commissione europea, fino a oggi, non si è pronunciata e ha lasciato che la decisione di rendere obbligatori i vaccini venga presa dai singoli Stati membri.

La Grecia il 12 luglio ha reso obbligatorie le vaccinazioni per il personale delle case di cura con effetto immediato e per gli operatori sanitari a partire da settembre. Inoltre, sempre da settembre, l’accesso a ristoranti e bar è consentito solo a coloro che sono vaccinati o che sono guariti dalla Covid-19, quindi il solo test negativo non è sufficiente. I lavoratori non vaccinati devono sottoporsi al test, per verificare la presenza o meno della patologia, una volta a settimana e a proprie spese.

In Spagna la vaccinazione è volontaria e il governo si è detto contrario alla volontà di alcune regioni che hanno richiesto obbligatorietà per lavoratori come gli operatori sanitari e il personale delle case di cura. Per quanto riguarda la Francia, ad agosto il parlamento ha approvato un disegno di legge che ha reso le vaccinazioni obbligatorie per gli operatori sanitari. Inoltre è richiesto un pass sanitario nella maggior parte dei luoghi pubblici.

In Ungheria il governo ha deciso di rendere le vaccinazioni obbligatorie solo per gli operatori sanitari. Il Belgio, come anche la Polonia, non ha ancora fissato alcun obbligo di vaccinazione. Questo però è possibile che cambi per alcune categorie, come persone ad alto rischio e specifiche professioni. Il certificato Covid belga è al momento obbligatorio per viaggiare.

Bonus Covid da 1600 euro: in arrivo per alcune categorie di lavoratori

Pillole di curiosità – Io non lo sapevo. E tu?

  • Analizzando la situazione europea, se si guarda ai vaccinati con almeno una dose la Spagna è  all’80%,  seguita da Italia  e Francia. Il Regno Unito al è al 71% e la Germania al 67%.

TI È PIACIUTO L’ARTICOLO?  ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER GRATUITA

Per altre curiosità e informazioni sugli abitanti continuate a seguirci su www.habitante.it

Condividi L'articolo su

TI È PIACIUTO L’ARTICOLO? ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER 

Per altre curiosità e informazioni sugli abitanti continuate a seguirci su www.habitante.it

Seguici su

Cerchi ispirazione?

Iscriviti alla nostra newsletter

News