Perché i bambini si ammalano frequentemente? Le cause ed i rimedi

Condividi L'articolo su

Perché i bambini si ammalano molto frequentemente, soprattutto durante i primi anni di vita? Le cause, i consigli e l’importanza di rimedi e prevenzione.

Febbre e malattie da raffreddamento: conosciamole meglio

Perché i bambini si ammalano spesso?

Capita spesso che i piccoli di casa si ammalino e non è raro che i luogo di contagio sia proprio l’asilo o la scuola.

Ma come mai le malattie in questi primi anni risultano essere così contagiose? Sicuramente un ruolo fondamentale lo gioca il sistema immunitario, ancora immaturo.

Inoltre, si sa, all’interno degli spazi chiusi, specialmente se vissuti da molti, la trasmissione dei germi avviene con molta più facilità.

Inoltre, soprattutto nei primi anni di vita del piccolo risulta più difficile spiegare l’importanza di alcuni gesti, quali mettere la mano davanti alla bocca quando si starnutisce o si tossisce.

All’asilo nido ed alla scuola materna le infezioni risultano essere prevalentemente di tipo virale. Non sono sintomi rari i raffreddori, la febbre, la diarrea, il vomito e la tosse.

Nonostante ciò, però, è importante sottolineare che queste infezioni risultano essere nella maggior parte dei casi banali e non pericolose per lo stato di salute generale del bambino.

Infine, va sottolineato sono proprio queste infezioni a permettere al sistema immunitario dei più piccoli di svilupparsi e, quindi, di imparare a difendere il corpo.

Perché i bambini si ammalano - scuola

Perché i bambini si ammalano frequentemente? Le cause ed i rimedi – immagine di Unsplash di matiinu ramadhan

Rimedi e prevenzione

In caso di malattia sicuramente sarà necessario tenere il bambino a casa per qualche giorno, in maniera tale che possa riprendersi e non contagiare i compagni.

La giusta cura medicinale, poi, permetterà una guarigione definitiva e che non lasci particolari strascichi. Ove possibile, saranno da evitare gli antibiotici poiché se assunti inutilmente nel tempo potrebbero diventare inefficaci alla necessità.

Cosa fare, quindi, per ridurre al minimo di rischi di contagio tra i più piccoli?

Sicuramente, permettere ai bambini di trascorrere più tempo all’aria aperta può aiutare, così come far arieggiare bene ogni locale.

Una buona igiene delle mani consentirà, inoltre, di allontanare il più possibile germi e batteri.

Infine, fondamentali si rivelano le prime vaccinazioni, utili a combattere molte malattie, riducendo svariati rischi per la salute dei più piccoli.

L’igiene negli ambienti domestici: ecco perché è così importante

Pillole di curiosità – Io non lo sapevo. E tu?

  • Sono oltre 175 mila i bambini del nostro Paese che frequentano l’asilo nido. I posti potenziali che le strutture italiane sono in grado di offrire. però, risultano essere più di un milione e mezzo.

TI È PIACIUTO L’ARTICOLO?  ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER GRATUITA

Per altre curiosità e informazioni sugli abitanti continuate a seguirci su www.habitante.it

Condividi L'articolo su
Post Tags
Scritto da

Dottoressa in Scienze dell'Educazione e della Formazione