Vai al contenuto
Come scegliere una poltrona per anziani per il soggiorno

Come scegliere una poltrona per anziani per il soggiorno

Condividi L'articolo su

Lo scorrere inesorabile del tempo, fa sì che il corpo diventi più sensibile e lento. Ciò rende difficile muoversi con agilità e sicurezza. Anche i gesti più semplici, come alzarsi e sedersi, richiedono un enorme sforzo. non sono più banali come alzarsi o sedersi. Quindi, ecco come scegliere una poltrona per anziani. Questa non è una decisione semplice, in quanto la poltrona deve essere innanzitutto confortevole per chi la utilizza.

Vivere con un anziano

Chi vive con un anziano sa quali sono i limiti della condizione non sempre agevole in cui si trova. Dalla semplice difficoltà nello stare comodi anche nei momenti di riposo, all’esigenza di sicurezza e indipendenza in spazi senza barriere architettoniche. Nelle abitazioni in cui vive un a anziano è necessario rendere gli spazi, anche il bagno, il più confortanti possibili. Tra le soluzioni ideali che rispondono a questa necessità, c’è la poltrona relax. Questa oltre ad offrire una seduta confortevole, fornisce anche una facilità nell’alzarsi. Infatti, la poltrona per anziano serve ad accompagnare il movimento delle gambe poiché raggiunge un’altezza e un’inclinazione ottimale. Ecco le sue funzioni principali per capire come scegliere una poltrona per anziani per il soggiorno.

Come scegliere una poltrona per anziani per il soggiorno
Come scegliere una poltrona per anziani per il soggiorno – shutterstock foto di Rido

Poltrona per anziani per il soggiorno

Il motivo per scegliere di acquistare una poltrona per anziani per il soggiorno è quello di mettere a proprio agio, un anziano, un disabile, o una donna incinta, rilassando gambe e schiena. Infatti, per soddisfare questa esigenza, negli anni sono state create poltrone sempre più comode, tecnologiche e dal design inconfondibile che si armonizza alla perfezione con l’arredamento.

Le poltrone per anziani in origine venivano identificate per il loro movimento verticale. Si chiamavano anche poltrona alzapersona per questo motivo. Nel tempo si sono evolute ed hanno ampliato diverse funzionalità fino a coprire molti bisogni dell’anziano. Oggi, le poltrone per anziani offrono la possibilità di sedersi e alzarsi con estrema facilità, e di regolare la posizione dello schienale in base alle esigenze della persona che la utilizza. Infatti, le poltrone relax hanno di fatto tutta una serie di automazioni che ne modificano la forma in modo da facilitare i movimenti senza sforzare le gambe, i piedi e la schiena.

Come progettare una Casa Accessibile

Le caratteristiche di una poltrona per anziani

Le caratteristiche di una poltrona per anziani sono studiate per soddisfare non solo le esigenze di chi ha una ridotta mobilità, ma per chiunque necessiti di riposare. Ecco le funzionalità di cui si può usufruire:

  • Funzione alzapersona: con un tasto del telecomando la poltrona si eleva per raggiungere un’altezza ideale che permette all’anziano di accompagnare il movimento delle ginocchia e dell’anca;
  • Poggiapiedi o pediera: il poggiapiedi, che regge anche le caviglie, è molto utile per la circolazione sanguigna;
  • Morbidezza e Comfort: sia la seduta che lo schienale hanno le qualità dei materassi. Infatti, il materiale predominante è il memory foam accoppiato a molle indipendenti insacchettate.

Queste caratteristiche sono solo quelle di base. Come prima cosa, è importante scegliere una poltrona per anziano che sia di dimensioni consone alla persona interessata: dimensione della profondità e altezza della seduta sono infatti essenziali perché la zona lombare della schiena venga perfettamente sostenuta dallo schienale. Anche l’altezza della seduta svolge una funzione importantissima, perché solo una giusta altezza darà modo di poggiare i pedi a terra in maniera corretta.

Altre caratteristiche che rendono unica una poltrona per anziano

  • tessuti, se naturali, aumentano la sensazione di accoglienza e morbidezza;
  • Le ruote che si attivano a comando manuale, per permettere alla persona di muoversi in diverse stanze;
  • La batteria ricaricabile libera dall’intralcio dei fili;
  • La possibilità di caricare attraverso il telecomando persino lo smartphone.
  • Il sistema massaggio relax con un meccanismo per ricevere un massaggio benefico.

Barriere architettoniche: come progettare una casa per disabili

Pillole di curiosità – Io non lo sapevo. E tu?

TI È PIACIUTO L’ARTICOLO?  ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER GRATUITA

Per altre curiosità e informazioni sugli abitanti continuate a seguirci su www.habitante.it

Condividi L'articolo su

TI È PIACIUTO L’ARTICOLO? ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER 

Per altre curiosità e informazioni sugli abitanti continuate a seguirci su www.habitante.it

Seguici su

Cerchi ispirazione?

Iscriviti alla nostra newsletter

News