Vai al contenuto
bonus terrazzi 2024 terrazzo

Bonus terrazzi 2024: dettagli e modalità per utilizzare subito l’agevolazione fiscale

Condividi L'articolo su

Il Bonus terrazzi 2024 rappresenta una significativa opportunità per chi prevede di valorizzare e ristrutturare aree esterne. Attraverso il Bonus Ristrutturazione e il Bonus Verde, gli interventi ammessi possono beneficiare di incentivi fiscali, soprattutto in contesti condominiali dove è possibile sfruttare un doppio plafond. Scopriamo quali sono i tipi di lavori qualificati, le modalità di pagamento e la documentazione necessaria per approfittare di questa agevolazione fiscale.

Interventi urgenti e miglioramenti estetici con il Bonus Terrazzi 2024

Ristrutturare il terrazzo può diventare una necessità urgente, specialmente se si verificano problemi come le infiltrazioni d’acqua, che possono causare danni significativi alle abitazioni sottostanti. In queste situazioni, non solo è sgradito affrontare tali inconvenienti, ma un intervento rapido e conforme alle normative diventa essenziale per prevenire ulteriori complicazioni e possibili azioni legali.

D’altra parte, si può anche scegliere di trasformare il terrazzo in un angolo di relax, ideale per godersi il sole nelle giornate più belle. In questo contesto, il mantenimento adeguato della superficie impermeabile diventa un investimento ben giustificato, piuttosto che una spesa superflua.

Queste circostanze attivano la possibilità di sfruttare il Bonus Terrazzi 2024, un vantaggio economico previsto nell’ambito del più ampio Bonus ristrutturazione. È fondamentale conoscere come funziona questa detrazione, per poterla gestire correttamente al momento della dichiarazione dei redditi.

bonus terrazzi

Bonus Terrazzi 2024: quali sono i lavori di ristrutturazione ammessi?

Bonus Terrazzi 2024: dettagli sull’agevolazione fiscale disponibile per l’immediato uso

La Legge di Bilancio definisce chiaramente le opere che rientrano nel Bonus ristrutturazioni:

  • Per le singole unità abitative, gli interventi sono ammessi al Bonus quando il rifacimento del terrazzo comporta una trasformazione con caratteristiche essenzialmente diverse rispetto a quelle originarie, o include la costruzione di nuovi elementi.
  • Per le parti comuni in ambito condominiale, sono ammesse le riparazioni strutturali come il restauro delle murature (inclusi frontalini e parti a cielo aperto), la sostituzione di parapetti e ringhiere, a condizione che si mantengano le caratteristiche originarie, e i lavori di riparazione o rinforzo che includono il rifacimento della pavimentazione dei terrazzi.

Condominio: i dettagli specifici sulla detrazione

Nel contesto condominiale, l’applicazione della detrazione fiscale assume particolarità importanti.

Come ottenere risparmi sui lavori di ristrutturazione

Per i condomini, ogni tipo di intervento sul terrazzo, sia esso ordinario che straordinario, garantisce il diritto alla detrazione fiscale. L’unico requisito è che la quota di lavori assegnata sia stata pagata regolarmente, come indicato nel bollettino inviato dall’amministratore di condominio.

Al momento della dichiarazione dei redditi, sarà necessario presentare questa documentazione di pagamento al CAF o al commercialista per validare la detrazione.

Agevolazione fiscale

Il bonus per i lavori sui terrazzi permette una detrazione del 50% sul costo totale sostenuto per gli interventi. Questo importo viene detratto nella dichiarazione dei redditi e suddiviso in 10 rate annuali di pari importo, iniziando dall’anno successivo alla realizzazione dei lavori.

Pertanto, coloro che effettuano lavori di ristrutturazione nel 2024 inizieranno a beneficiare del bonus nella dichiarazione dei redditi del 2025.

Il diritto alla detrazione persiste fino al raggiungimento del limite massimo IRPEF del contribuente. Ad esempio, se un contribuente ha un limite di € 8.500 e le rate annuali per i lavori ammontano a € 9.600, il massimo rimborso ottenibile sarà di € 8.500.

Qualora l’importo ecceda il plafond fiscale disponibile, la quota residua non è rimborsabile né trasferibile all’anno successivo, perdendosi definitivamente.

Lavori a scopo decorativo: bonus verde

bonus terrazzi 2024

Decorare e rinnovare il terrazzo non è solo una questione estetica ma può anche rientrare nelle agevolazioni fiscali grazie al Bonus Verde. Questo include:

  • La sistemazione a verde di aree private scoperte, quali terrazzi di parti comuni di edifici esistenti o di singole unità immobiliari e delle relative pertinenze o recinzioni.
  • La realizzazione di impianti di irrigazione, pozzi o coperture a verde di giardini pensili.

Le spese detraibili non si limitano alle sole opere, ma comprendono anche i costi di progettazione e manutenzione.

Modalità del bonus verde

Il Bonus Verde permette di detrarre il 36% delle spese sostenute nel corso del 2024, fino a un massimo di € 5.000, rendendo il massimo detraibile pari a € 1.800. L’importo viene recuperato in 10 rate annuali uguali nel corso di 10 anni, e si applica per ogni singola unità immobiliare residenziale.

Doppio Plafond: una duplice opportunità

Quando si effettuano interventi di natura straordinaria sia sulle unità immobiliari abitative che sulle parti comuni del condominio, i beneficiari possono sfruttare un doppio plafond, con una detrazione fiscale applicabile su due distinti limiti di spesa di € 5.000 ciascuno, totalizzando così € 10.000.

Modalità di pagamento e documentazione necessaria

I pagamenti per la ristrutturazione del terrazzo e per le opere ammesse nel Bonus Verde devono essere eseguiti mediante bonifico parlante (postale o bancario), che deve includere:

  • La causale del versamento, riferita all’articolo 16-bis del Dpr 917/1986.
  • Il codice fiscale del beneficiario della detrazione.
  • Il codice fiscale o numero di partita Iva del beneficiario del pagamento.
  • Numero e data della fattura.

Dopo aver effettuato le opere e i relativi pagamenti, è essenziale conservare:

  • La ricevuta del bonifico.
  • La documentazione di addebito sul conto corrente.
  • Le fatture di acquisto dei beni, che devono indicare natura, qualità e quantità dei beni e servizi acquisiti.

Aggiornamenti futuri del bonus ristrutturazione

Sebbene non sia ancora ufficiale, ci sono discussioni governative in corso che potrebbero portare a una riduzione delle agevolazioni fiscali per la ristrutturazione della casa, incluso il Bonus Ristrutturazione. Questo potrebbe vedere una riduzione fino al 30% nel 2028, in seguito all’impatto finanziario di simili incentivi sul bilancio dello Stato.

Queste sono ancora proposte in discussione, e mentre l’aliquota rimane elevata, sarebbe prudente considerare l’opportunità di sfruttare tali bonus prima di eventuali riduzioni.

 

Condividi L'articolo su

TI È PIACIUTO L’ARTICOLO? ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER 

Per altre curiosità e informazioni sugli abitanti continuate a seguirci su www.habitante.it

Seguici su

Cerchi ispirazione?

Iscriviti alla nostra newsletter

News