Che differenza c’è tra lucernario e abbaino?

Condividi L'articolo su

Lucernario e abbaino sono solo due delle soluzioni messe a punto per illuminare la mansarda. Infatti, i modelli che presentano dimensioni e formati differenti sono tra i più svariati. Ecco le principali differenze

Abbaino e lucernario hanno un ruolo fondamentale nella progettazione dei tetti. Infatti, sono essenziali per illuminare la mansarda, specie se caratterizzati da ampie vetrate. Entrambi hanno le proprie caratteristiche con determinati pro e contro. Pertanto, per effettuare la scelta migliore relativa alle proprie esigenze è necessaria una valutazione accurata di tutti i pregi e i difetti che le contraddistinguono.

Le differenze tra lucernario e abbaino

Seppur la funzione di lucernario e abbaino sia la stessa, questi due modelli si differenziano per alcuni elementi, spesso anche molto sottili, fondamentali per scegliere la soluzione in grado di sfruttare al massimo le potenzialità e le caratteristiche del sottotetto e renderlo ancora più accogliente.

tetti spioventi

Che differenza c’è tra lucernario e abbaino – pexels adrien olichon

Le caratteristiche di un lucernario

Il lucernario, a differenza delle finestre da tetto, è utile a illuminare soffitte e mansarde non abitate e vissute quotidianamente. I modelli di lucernari disponibili in commercio, alcuni dei quali sono anche in grado di assicurare un ottimo isolamento termico e acustico, presentano diversi materiali, vetri, colori e anche tipologie di apertura differenti in modo da garantire il massimo della personalizzazione e molteplici combinazioni. Inoltre, in qualsiasi caso possono essere installati sia su superfici inclinate, sia su superfici piane con estrema facilità. Infatti, sono posizionati direttamente sulla falda del tetto e ne seguono la pendenza. Così, la loro installazione sul tetto non richiede importanti interventi strutturali. 

lucernario

Che differenza c’è tra lucernario e abbaino – pexels max vakhtbovych

Abbaino: la finestra verticale sul tetto di un edificio

L’abbaino è un particolare tipo di finestra montata in modo verticale che sporge e si affaccia sul tetto. Infatti, le diverse tipologie di abbaino non seguono l’inclinazione del tetto, ma alzandosi verticalmente modificano in modo significativo la facciata dell’edificio. Così, la loro installazione richiede un intervento più complesso che modifica la struttura del tetto, con conseguenti costi più elevati e tempi di messa in opera e realizzazione più lunghi.

abbaino

Che differenza c’è tra lucernario e abbaino – pexels erik mclean

Le funzionalità dell’abbaino

Prima di ogni cosa, l’abbaino soddisfa l’esigenza di portare aria fresca in soffitte e mansarde che altrimenti sarebbero prive di sbocchi verso l’esterno accedere in maniera pratica e agevole al tetto e illuminare gli ambienti interni. In questo caso nonostante la quantità di luce che entra da un abbaino sia di gran lunga inferiore rispetto a quella che entra dai lucernari, e abbia qualità termoisolanti inferiori, grazie alla sua particolare conformazione verticale questo modello è la soluzione ideale per chi desidera godere della vista verso l’esterno da un affaccio dall’alto.

abbaino

Che differenza c’è tra lucernario e abbaino – pexels kristina gain

L’importanza della luce naturale in sottotetti, soffitte e mansarde

Illuminare sottotetti, soffitte e mansarde, dall’alba al tramonto, è possibile sia con abbaini che con lucernari. Questi ultimi, rispetto agli abbaini, come anticipato, garantiscono alla luce naturale di entrare in quantità maggiore, di circa un terzo in più. Ciò perché non è un tipo di luce zenitale che arriva dall’alto, ma è riflessa e varia in base alle superfici che circondano l’edificio. L’illuminazione naturale di sottotetti, soffitti e mansarde è estremamente importante e rappresenta la soluzione perfetta per garantire la miglior vivibilità del locale. Infatti, infonde benessere, è energizzante, contempla la concentrazione e migliora l’umore sia durante l’attività lavorativa, sia durante i momenti dedicati al relax favorendo l’alternanza dei ritmi sonno e veglia.

lucernario

Che differenza c’è tra lucernario e abbaino – pexels ron lach

Pillole di curiosità – Io non lo sapevo. E tu?

  • Abbaino sul vocabolario Treccani: sopraelevazione del tetto di un fabbricato, realizzata in modo da consentire l’apertura di una finestra per dare luce ed aria al sottotetto.
  • Torino è la città con il maggior numero di palazzi con abbaino. Questa scelta architettonica si ispira all’armonia evocata dagli edifici in stile francese con tetto spiovente. E nel corso degli anni è stata anche fonte di ispirazione per la realizzazione dei tetti di molte regioni del Sud Italia, specie in Campania, dove molte abitazioni sono dotate di abbaini.
  • Chi desidera sostituire i vecchi infissi può usufruire di alcuni incentivi statali, tra cui il Bonus Ristrutturazione. In particolare, questo bonus con scadenza al 31 dicembre 2024, permette di ottenere una detrazione del 50% sulla dichiarazione dei redditi su un tetto massimo di spesa di 96 mila euro anche in assenza di lavori trainanti. Oltre alle finestre in questo bonus sono compresi tutti gli infissi, come porte, portoni blindati, persiane e altri strumenti, che hanno come obiettivo quello di migliorare il rendimento energetico di un’abitazione.
  • Oltre al Bonus Ristrutturazione al 50%, restano attivi nel 2023 le detrazioni su mobili e grandi elettrodomestici, il bonus barriere architettoniche e le agevolazioni per l’efficientamento energetico degli edifici e per l’adeguamento sismico.

TI È PIACIUTO L’ARTICOLO?  ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER GRATUITA

Per altre curiosità e informazioni continua a seguirci su www.habitante.it

Condividi L'articolo su
Scritto da

Fotografa, scrittrice e designer. Laureata in Scienze Politiche Sociali e Internazionali presso l'Alma Mater Studiorum e specializzata in Marketing e Comunicazione nel settore del fashion e del design a L.UN.A - la Libera Università delle Arti. Ha collaborato con la Caucaso Factory all'opera cinematografica "Lucus a Lucendo. A proposito di Levi" e con ONG come Mani Tese e ActionAid a progetti su temi quali l’Innovazione Sociale, l'Inclusione Sociale e la Sostenibilità. Sperimenta non solo strumenti fotografici e videografici, ma anche diverse tecniche di scrittura, dai reportage ai saggi.