Vai al contenuto
Pillar

Cos’è un articolo Pillar: consigli di scrittura SEO

Condividi L'articolo su

Un Pillar, pubblicato su un blog o un portale online, è caratterizzato da un contenuto dettagliato, completo, in grado di generare molte visite.

Un articolo Pillar offre contenuti di qualità e riesce a “farsi trovare su Google” portando autorevolezza ad un brand e veicolando traffico utile. L’articolo Pilastro affronta un tema in modo approfondito e sostiene la struttura di un blog.

Che cos’è un Pillar e come realizzarne uno?

Il Pillar article è un documento che offre risposte concrete ad argomenti specifici. Si tratta di un contenuto in grado di approfondire un tema importante.

Per creare un articolo Pilastro è necessario innanzitutto individuare l’argomento e riuscire a “scalare” il lavoro pubblicato da altri: perché sul web si trova di tutto e su qualsiasi argomento, ma hanno la meglio i contenuti più approfonditi, interessanti e curati.

Allo stesso tempo è importante scovare sul web, attraverso l’utilizzo di Google, cosa è stato già pubblicato precedentemente e partire da lì per migliorare i contenuti e renderli più accessibili e raggiungibili.

Pillar
Cos’è un articolo Pillar: consigli di scrittura SEO – Canva

Perché scrivere un contenuto completo premia?

La caratteristica principale che accomuna tutti gli articoli Pilastro è la lunghezza del testo. I contenuti lunghi hanno più possibilità di apparire sulle prima pagina dei motori di ricerca in funzione della keyword di riferimento. Dunque è chiaro che più un Pillar è completo e approfondito, maggiore sarà il successo che ne deriverà ovvero maggiore sarà la probabilità di comparire in prima pagina e tra i primi link. Ecco perché la lunghezza standard di un articolo Pillar è circa di 2000 parole (è possibile raggiungere anche le 5000 parole).

Grazie alla lunghezza del contenuto e alla cura di ogni piccolo dettaglio scritto, un Pillar riesce a creare una certa autorevolezza per il brand o per l’azienda e a classificarsi bene sul web.

Fare content marketing per un e-commerce: come vendere attraverso la scrittura

Articolo Pillar efficace: ecco le caratteristiche

Un articolo Pillar è efficace se vanta una serie di caratteristiche precise:

  • il contenuto deve riguardare una tematica specifica e cara all’azienda;
  • il Pillar deve essere una guida autorevole e rispondere in modo concreto alle richieste degli utenti;
  • il contenuto deve rientrare in una pagina unica;
  • deve essere applicata una strategia di link SEO. Un Pillar deve essere allineato alle necessità del pubblico e deve curare le regole di una buona ottimizzazione SEO per essere facilmente trovato sul sito;
  • un Pillar deve essere durevole nel tempo e quindi aggiornato nel contenuto anche dopo che è stato pubblicato;
  • per la SEO è bene creare più Pillar in relazione ai prodotti e argomenti trattati dall’azienda.

Articolo Pillar e consigli di scrittura SEO

Per realizzare un buon articolo Pilastro è necessario anzitutto pensare ad un argomento specifico da sviluppare e approfondire, lavorando su una strategia di ricerca di keywords, per ottimizzare il contenuto.

1 – Scegliere il topic giusto

Per costruire un Pillar efficace è necessario focalizzarsi sulle reali domande poste ogni giorno dagli utenti sul web. Bisogna quindi individuare l’argomento da trattare trovando un tema che soddisfi una vasta richiesta di domande in modo da creare un largo numero di pagine correlate di approfondimento per offrire un articolo Pillar che soddisfi gli intenti di ricerca.

2 – Suddividere il testo in paragrafi

Suddividere il Pillar in paragrafi è importante per cercare di rispondere ai dubbi dell’utente. L’organizzazione del contenuto in paragrafi rende più semplice la consultazione delle informazioni e quindi anche più fluida la navigabilità.

3 – Inserimento di link di approfondimento

Scrivere contenuti di approfondimento da linkare all’interno del Pillar su keyword specifiche è molto utile per il buon posizionamento dell’articolo. Tali contenuti possono anche essere ottimizzati, aggiornati o integrati. Attenzione però alla scrittura di testi ripetitivi, sugli stessi argomenti: potrebbe portare alla cannibalizzazione dei contenuti già indicizzati e ben posizionati.

4 – Valutare il target di utenti

Per attirare traffico organico ed incrementare le conversioni del proprio business, prima di costruire e scrivere un articolo Pillar, è necessario definire il target di utenti a cui ci si dovrà rivolgere.

5 – Ragionare sui contenuti multimediali

Una volta elaborato il contenuto del Pillar, è opportuno inserire non solo i link ma anche i file multimediali, in modo da rendere più piacevole la visualizzazione delle informazioni.

6 – Call to action

Il Pillar deve spingere l’utente a compiere una determinata azione. Ecco perché è essenziale l’inserimento di una call to action. La CTA ha l’obiettivo finale di ottenere una conversione che può essere

  • la lettura di un altro articolo o pagina presente nel sito o nel blog;
  • l’invito ad iscriversi alla newsletter o alla community;
  • il download di un file;
  • l’invito a valutare e poi acquistare un prodotto e/o un servizio.

Cos’è il native advertising: alcuni esempi di successo

Affidati agli specialisti, sempre.

Per restare al passo con le continue novità del settore, affidati ad un’agenzia specializzata in grado di realizzare le migliori strategie e sviluppare Pillar page efficaci per far crescere il business.

Per una consulenza gratuita contattaci.

Condividi L'articolo su

TI È PIACIUTO L’ARTICOLO? ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER 

Per altre curiosità e informazioni sugli abitanti continuate a seguirci su www.habitante.it

Seguici su

Cerchi ispirazione?

Iscriviti alla nostra newsletter

News