Mostre d’autunno 2018: arte, fotografia e tutto ciò che cerchi

Sai quante mostre sono state organizzate per la stagione autunnale 2018? Un corridoio che coinvolge i più variegati orientamenti artistici. Una volta il Ministro Tremonti disse: “Con la cultura non si mangia”. Di certo non potrebbe dirlo dopo aver letto questo articolo. Scopri con noi le mostre d’autunno più interessanti del 2018.

Calendario delle mostre d’autunno pittoriche

mostre d'autunno pittoresche

Source: artribune.com

“Tintoretto 500” (7 settembre 2018 – 6 gennaio 2019)

Sei mai stato nel palazzo Ducale e nelle Gallerie dell’Accademia? Questi 2 palazzi storici danno il benvenuto alla collezione di opere del pittore della bella Venezia, Jacopo Tintoretto, nato 500 anni fa. Tra le mostre d’autunno più interessanti sarà possibile osservare le opere della sua formazione nelle Gallerie dell’Accademia e le opere del periodo di massima creatività nel Palazzo Ducale. Un’intera collezione proveniente da enti pubblici e privati per l’apprezzamento del mondo intero. La mostra è attiva dal 7 settembre 2018 al 6 gennaio 2019. Affrettati! La mostra Tintoretto 500 è una buona motivazione per visitare la “città galleggiante”.

“Margherita Sarfatti” (21 settembre 2018 – 24 febbraio 2019)

Per ricordare la figura di Margherita Sarfatti, giornalista, scrittrice e critica d’arte, è stata organizzata una serie di mostre in Europa e in America. Lo scopo di ciò è la promozione dell’arte italiana e la moderna classicità, con particolare attenzione all’ambiente sociale, culturale e artistico degli anni ’20 – ’30. La mostra si terrà nel Museo del Novecento a Milano, città di massima affermazione della figura artistica della Sarfatti. È possibile anche osservare oltre 100 opere di altri 30 artisti, messi a disposizione per rendere omaggio e per creare un dialogo con le opere del Fondo Sarfatti.

“Picasso e il mito” (18 ottobre 2018 – 17 febbraio 2019)

Questa è una delle mostre d’autunno più interessanti. Come si può non conoscerlo. Uno dei pittori più famosi del mondo, Pablo Picasso, riappare nelle mostre italiane partendo dal Palazzo Reale di Milano. La sua passione per la mitologia e gli esseri mitologica ritorna mostrandoci fauni, minotauri e centauri in un mondo “normale” popolato di uomini e bestie, di bene e male e le continue domande di esistenza che si ampliano durante la stessa visione delle sue opere. Variegati gli argomenti dei suoi quadri: violenza, fantasia, erotismo, sempre più interessato ai sentimenti della prima impressione che alla forma convenzionalmente imposta. A volte vogliamo perderci, a questo punto meglio farlo nelle sue 350 opere esposte.

Calendario mostre fotografiche dell’autunno 2018

mostre fotografiche autunno 2018

SPAIN. Madrid. 1995. Prado Museum.

Source: 4live.it

“Willy Ronis” (6 settembre 2018 – 6 gennaio 2019)

Tra le mostre d’autunno che riguardano la fotografia vi proponiamo una grande mostra fotografica del francese Willy Ronis che si svolgerà alla Casa dei Tre Oci a Venezia. L’esposizione conta 120 scatti vintage, di cui 10 inedite, capaci di rappresentare tutta la carriera dell’artista. Un famoso scatto, realizzato nel 1948, del fotografo è quella della moglie propensa ad asciugarsi dopo una doccia. L’artista disse: “Una mattina, vidi mia moglie che stava per lavarsi. Le dissi: ‘Non ti muovere’. Presi al volo la mia Rolleiflex, salii due gradini della scala che portava al granaio e feci quattro foto, non di più. Tutto è durato meno di un minuto”. Chi l’avrebbe detto che quello scatto sarebbe stato venduto per una cifra di 26 mila. Signori, state calmi, non penserete di fotografare le vostre donne in desabije?

“Fulvio Roiter” (8 settembre 2018 – 24 febbraio 2019)

Dopo la sua scomparsa nel 2016, le opere di Fulvio Roiter arrivano a Genova. Ecco un’esposizione di 150 scatti, per la maggior parte vintage, che raccontano l’intera vita dell’artista e i suoi molteplici viaggi. Dai paesaggi della Sicilia, alla laguna di Venezia, fino ai viaggi presso New Orleans, Portogallo, Andalusia e Brasile. Un itinerario completo della sua formazione fino al picco di fama e genio creativo. Ecco servita la vita di un artista internazionale a tutto tondo.

“Elliott Erwitt. Icons” (13 ottobre 2018 – 27 gennaio 2019)

Ecco un’altra carriera in esposizione. Il Castello Visconteo di Pavia presenta la vita di Elliott Erwitt, uno dei più importanti fotografi del ‘900. In occasione del suo novantesimo compleanno, Icons mostra 70 scatti del suo essere ironico, romantico e a volte surreale dell’artista, nonché una chiara rappresentazione del costume e dell’eleganza del secolo scorso.

Le mostre culturali dell’autunno 2018

mostre culturali dell'autunno 2018

Source: sulpalco.it

“Ercole e il suo mito” (13 settembre 2018 – 10 marzo 2019)

Siamo tutti rimasti incantati dai racconti della mitologia greca da piccoli e tutti ricordano con gli occhi lucidi le imprese del semidio Ercole. Adesso hanno la possibilità di osservare 70 opere ad esso dedicate in una delle mostre d’autunno dedicate alla cultura presso la Reggia di Venaria, a Torino. È possibile ammirare ritrovamenti archeologici, opere d’arte, dipinti, gioielli, sculture e manifesti provenienti da pubblici e privati. Un arco cronologico di antichità che giunge fino al XX secolo. È il posto preferito per qualsiasi appassionato di storia.

“Marina Abramović” (21 settembre 2018 – 20 gennaio 2019)

Ecco una mostra che definire “variegata” è dir poco. A Palazzo Strozzi di Firenze è stata allestita una mostra dedicata a Marina Abramović, memorabile artista serba divenuta famosa negli USA. Non si potrebbe mai dire che sia una donna statica, e così non può esserlo anche la mostra a lei dedicata. Un infinito itinerario di dipinti, video, fotografie, progetti e oggetti dell’artista. La mostra non si ferma all’esposizione, infatti, sono stati allestiti palcoscenici per poter riprodurre alcuni dei suoi spettacoli più famosi reinterpretati con una nuova chiave di lettura.

“The Art of Banksy. A Visual Protest” (dal 21 novembre 2018)

Non tutte le mostre riguardano il passato, alcune sono un messaggio per il futuro. È ciò che sta accadendo nel MUDEC di Milano dove Banksy, uno dei più importanti artisti di strada mai esistito, espone 70 opere tra fotografie, oggetti, video e murales provenienti da tutto il mondo. Ormai è chiaro, ogni opera non è fine a sé stessa o solo dedicata all’estetica, è una protesta. È questa parte della filosofia che accompagna ogni opera di Banksy esposta: una riflessione sullo stato attuale, della mente degli uomini e della società generica. Eccoti donata la chiave di lettura di alcuni degli artisti più retrospettivi che possano colpirti.

Forse è vero, con la cultura non si mangia: la cultura stessa va mangiata, assaporata e successivamente raccontata. Non fermiamoci agli stereotipi e alle leggende metropolitane. L’arte non è morta, è viva e si espande, dobbiamo solo far parte della corrente che più ci emoziona.

Leggi anche: “Arte e social media, la cultura passa anche dal web