Quanto spendono gli italiani per la casa?

Oltre un terzo del budget mensile delle famiglie italiane è dedicato alle spese per la casa.

Secondo i dati Istat contenuti nel dossier “I consumi delle famiglie italiane e l’ultimo Rapporto annuale” le famiglie italiane spendono in media 2.499 euro al mese, con oltre un terzo del loro budget dedicato alle spese per la casa. In un anno le uscite sono aumentate di 134 euro, pari a 11 euro al mese e 36 centesimi al giorno.

In un anno le uscite sono aumentate di 37 euro per le famiglie del nord ovest, di 21 euro per quelle del sud e di 17 euro per quelle delle isole. Sono diminuite, invece, per gli altri nuclei familiari: 18 euro in meno al nord est e 8 euro in meno al centro. La spesa principale, quella della casa, impegna oltre un terzo del budget (36,1% pari a 902 euro), di cui 590 euro vanno per i ‘fitti figurativi’ e il resto (312 euro) per pagare acqua, luce e gas. Rispetto al 2014, quando l’abitazione è costata in media 913 euro, si registra un calo dovuto ai risparmi sulle utenze (321 euro), mentre gli affitti restano stabili (592 euro).*

(*dati elaborati da Adnkronos)

Come spendono in media gli italiani – infografica Valentina De Carolis

Spese casa e bollette

Per quanto riguarda le voci casa e bollette i costi vivi sostenuti dalle famiglie riguardano in particolare:

  • l’affitto o la rata del mutuo,
  • le bollette (di luce, acqua, gas e rifiuti),
  • la telefonia,
  • la connessione a internet e i costi del canone Tv.

Rispetto ai costi sostenuti per l’affitto/mutuo, la media italiana è inferiore del 30% alla media europea ma in Italia c’è una minore capacità reddituale, quindi, secondo i dati rilevati da l’Adoc (L’Associazione per la difesa e l’orientamento dei consumatori ADOC tutela i diritti e gli interessi dei consumatori) l’incidenza della voce di spesa ha un peso maggiore sul reddito disponibile. Sebbene i costi delle abitazioni siano in calo, le spese per il mantenimento casa continuano a salire a causa della crescita delle spese relative all’energia elettrica, al servizio idrico ed alla telefonia che non corrisponde ad un aumento del reddito.

credits rawpixel for unsplash

Suggerimenti per risparmiare

In questi casi diventa importante imparare a gestire i consumi, il consumo energetico in casa dipende dagli elettrodomestici in funzione dell’uso che se ne fa e delle fasce orarie che si scelgono per metterli in funzione. Gli apparecchi di vecchia generazione influiscono maggiormente sulle spese mensili perché sono soggetti ad un alto consumo energetico, mentre gli elettrodomestici di ultima generazione sono progettati per rispettare gli standard previsti per il risparmio energetico.

Quando si acquista un elettrodomestico è importante prestare attenzione all’etichetta per evitare sorprese in bolletta. La nuova etichetta energetica europea è stata pensata per guidare i consumatori a una scelta più consapevole dei prodotti. Le classi energetiche degli apparecchi elettrici sono tre: A+, A++ e A+++, ma da quest’anno sarà introdotta una nuova classificazione, che abolirà i simboli “+”, sostituendoli con una scala più semplice da A a G.

La nuova etichetta sarà anche provvista sia di QR Code accompagnato a delle app mobili, programmate per consentire ai consumatori di calcolare il risparmio energetico dei prodotti prima dell’acquisto.

Un altro aspetto da tenere in considerazione per ridurre i consumi energetici sono le fasce orarie di utilizzo degli elettrodomestici, bisognerebbe rivolgersi sempre all’operatore per richiedere la soluzione più vantaggiosa per le nostre esigenze di orario. Un’alta incidenza sugli importi mensili delle nostre bollette è sicuramente data dall’illuminazione. Per evitare gli sprechi basta seguire semplici regole:

  • impiegare lampadine a basso consumo e a LED;
  • scegliere dei livelli di illuminazione adeguati alle nostre esigenze;
  • evitare l’illuminazione artificiale durante il giorno;
  • ricordarsi di non lasciare le luci accese in giro per casa senza un reale bisogno.

Per altri suggerimenti leggi i nostri articoli nella sezione Habitante Arhitettura

Valentina De Carolis