Milano prima città al mondo per design e architettura

Milano ha vinto il Wallpaper Design Award 2019 come miglior città al mondo per design e architettura.

La rivista britannica Wallpaper che, ogni anno, annuncia la migliore città per avanguardia nell’architettura e nel design nel 2019 ha premiato Milano, capitale italiana del design e dell’arte.

Milano prima città al mondo per design e architettura.

www.unsplash.com

La nota rivista di settore Wallpaper assegna il premio alla città che nei dodici mesi precedenti ha dimostrato la maggiore crescita e messo in atto i migliori progetti nel campo del design, dell’arte e dell’architettura.

Presentato a Milano il nuovo ADI Design Museum Compasso d’Oro

Il Wallpaper Design Award è il nome del premio. A concorrere sono tutte le città a livello internazionale, non solo Europeo.

L’Italia, dunque, può vantare una città davvero ricca di progetti innovativi e rivoluzionari. Progetti che hanno consentito alla fervente Milano di scavalcare città famosissime per design e architettura, come Vancouver, Shanghai ed Helsinki.

Milano è stata perciò definita come la città protagonista di “un eccitante rinascimento”. Tra le motivazioni che hanno portato alla scelta di Milano come miglior città per design e architettura vi sono le nuove opere architettoniche realizzate nella zona di Porta nuova e Citylife.

Milano prima città al mondo per design e architettura.

www.unsplash.com

In questi quartieri le nuove costruzioni hanno definito uno skyline davvero suggestivo che fa sognare paesaggi urbani americani.

Si tratta, infatti, di opere realizzate da illustri progettisti di fama internazionale e provenienti da tutto il mondo. Sono opere talmente nuove da influenzare e rinnovare lo stile di vita e le abitudini dei cittadini.

A contribuire alla scelta della città alcuni nomi molto noti del settore: Paola Antonelli, designer e architetto italiana nonché curatrice di architettura e design al Moma di New York, Bjarke Ingels, architetto danese fondatore dello studio Big, Philippe Malouin, eletto designer dell’anno 2018 dalla stessa Wallpaper, e Do Ho Suh, artista coreano di fama internazionale.

Tra le opere da non perdere quando si fa tappa a Milano, oltre ai sopra citati quartieri, vi sono sicuramente la Torre Prada, progettata dallo studio Oma, l’Hotel Armani e Armani Silos ed il nuovo Apple Store.

In secondo luogo, merita una visita la galleria Building di Moshe Tabibnia, riconosciuta come eccellenza nel settore dell’arte tessile antica e punto di riferimento internazionale per gli estimatori di tappeti, arazzi e tessuti d’epoca.

Milano, come abbiamo detto, è stata premiata non solo per le architetture ma anche per il design.

Milano prima città al mondo per design e architettura.

www.unsplash.com

Hanno sicuramente contribuito all’aggiudicazione di tale premio la Fiera Internazionale del Salone del Mobile, che si tiene ogni anno a Milano nel mese di Aprile, la Fiera Miart, la Fondazione Prada e la storica Triennale.

8 idee originali ed economiche per un’uscita a Milano

Un dinamismo culturale, insomma, che ha condotto la città ad un florido di sviluppo architettonico e artistico.

Un progresso che rende orgogliosi i cittadini ed il sindaco della città Beppe Sala.

Ecco alcune sue parole che hanno fatto seguito al trofeo Wallpaper Design Award 2019 vinto da Milano:

“Gli addetti ai lavori ci premiano come città che sta vivendo un periodo di eccitante trasformazione, proiettata nel futuro grazie alle sue eccellenze nel campo della cultura e della formazione. Milano è la città del design grazie alle sue istituzioni più prestigiose a cominciare dal Politecnico e a eventi mondiali come il Salone del Mobile. In questi ultimi anni è rinata proprio attraverso i progetti di grandi studi internazionali di architettura. È un momento d’oro per noi che intendiamo proseguire. La nostra trasformazione della città è appena iniziata.” 

Milano prima città al mondo per design e architettura.

www.unsplash.com

Pillole di curiosità. Io non lo sapevo. E tu?

. A CityLife la risorsa primaria di energia è l’acqua: da un lato il teleriscaldamento, dall’altro l’utilizzo di pompe di calore alimentate dall’acqua di falda. Tutti gli edifici di CityLife hanno alte prestazioni energetiche e i pannelli fotovoltaici in copertura contribuiscono al fabbisogno energetico di impianti e parti comuni.

. Citylife è un quartiere ad emissioni zero, senza caldaie a gas, né altre fonti di combustione.

. CityLife è un’area interamente pedonale, la maggiore zona car-free a Milano e una delle maggiori in Europa: viabilità e parcheggi sono solo a livelli interrati.

Claudia Sgalambro

TI E’ PIACIUTO L’ARTICOLO? ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER