Arriva il wifi gratis in città: 224 i comuni vincitori del bando Ue

Amanti della connessione e dipendenti da smartphone, ci sono buone notizie per voi: arriva il wifi gratis in città grazie a un bando Ue vinto da 224 comuni italiani.

Grazie a questo bando le città vincitrici avranno la possibilità di installare gratuitamente la rete wifi negli spazi pubblici.

Il 7 dicembre sono state infatti annunciate le 2800 città in Europa che hanno vinto il bando Wifi4Eu. Obiettivo del bando Ue è soddisfare il bisogno di connettività, riducendo il divario digitale.

 

Sono 224 i Comuni italiani che si sono aggiudicati uno dei voucher da 15mila euro erogati da Bruxelles. Il numero massimo consentito a ogni paese. Da capoluoghi di provincia, come Sondrio, Pavia o Piacenza, a piccoli paesi, da località di mare, come Ischia e Favignana, a borghi storici come San Gimignano, a destinazioni di montagna, come Pila.

Ecco la lista completa dei 224 comuni vincitori del wifi gratis in città.

 

Il wifi grafis in città da nord a sud Italia

Ogni regione d’Italia ha avuto almeno un comune vincitore, ma quella con il maggior numero è la Lombardia con 40. A completare il podio delle regioni con le amministrazioni più “reattive” ci sono la Campania (30), dove il wifi gratis in città sarà installato anche nel comune di Ischia, colpita da un terremoto lo scorso anno; e il Piemonte (27), dove a beneficiare dei fondi Ue saranno soprattutto piccoli municipi con meno di mille abitanti. Seguono nella classifica Veneto (15), Abruzzo (14), Sicilia (14), Puglia (12) ed Emilia-Romagna (11). Tutte le altre regioni hanno avuto 10 o meno comuni premiati con il voucher messo a disposizione dall’Ue.

I Comuni vincitori ora dovranno sottoscrivere un accordo con l’Agenzia esecutiva per l’innovazione e le reti (Inea), un organo della Commissione, per passare all’incasso. I voucher potranno finanziare reti wifi installate in luoghi pubblici, come piazze, parchi, biblioteche, uffici municipali, alle quali i cittadini si potranno collegare gratis e senza sistemi di cessione dei dati personali. L’operatività dovrà essere garantita per tre anni. Il voucher da 15mila euro pagherà la parte hardware, ossia le apparecchiature per l’installazione del wifi. Mentre sarà a carico dei Comuni stipulare un abbonamento con gli operatori telefonici accreditati per la connettività.

Obiettivo della Commissione è di installare reti wifi finanziate da Bruxelles in ottomila Comuni europei entro il 2020. “Migliorare la connettività nell’Unione europea è una parte fondamentale della nostra strategia del mercato unico digitale e Wifi4Eu è un altro passo concreto per renderlo una realtà per tutti. Porterà molti più europei online gratuitamente, consentendo loro di godere di migliori comunicazioni e nuove opportunità di collegamento che alla fine rafforzeranno la nostra società e l’economia dell’Unione europea”, ha detto Mariya Gabriel, commissario all’economia digitale.

Per divertimento e per lavoro il wifi gratis in città è una gran bella notizia: un investimento indispensabile per soddisfare le esigenze della società del futuro.

 

Serena Giuditta