Interior Design: tante scale per ogni esigenza

Utilizzate per collegare diversi livelli della casa, per raggiungere una mansarda o un sottotetto, per scendere giù in uno scantinato, le scale vanno scelte con cura e attenzione, a seconda della loro funzione e dello stile d’arredamento.

Le scale, per il grande spazio che occupano, risultano sempre molto visibili, dunque sceglierle è senza dubbio un passo da ponderare: oltre che comoda, una scala deve essere sicura e gradevole agli occhi, soprattutto se si tratta di una scala interna ad un’abitazione.

Di frequente, la costruzione delle scale interne viene sottovalutata perché spesso, nelle case acquistate, esse risultano già presenti. Nel caso di una ristrutturazione completa però, obbligati alla ricostruzione di questo elemento, ci si rende conto della grande varietà di scale da interni esistenti in commercio e di come sia complicato scegliere quella più adatta alla nostra casa.

Talvolta la morfologia dell’ambiente impone la realizzazione di un preciso tipo di scala; in alcuni casi, invece, si ha una maggiore libertà di movimento e la si può scegliere in base al proprio gusto personale.

Storicamente costruite in legnopietra o laterizio ed inserite tra due muri portanti, oggi, esistono scale da interni di tipologia assai diversa, nei materiali e nelle finiture.

Meglio, dunque, farsi consigliare da un professionista, in modo da trovare la scala giusta, che si adatti sia alla forma che allo stile dell’ambiente in cui andrà collocata.

Quali sono gli elementi da considerare per la scelta della giusta scala?

Gli elementi da valutare per la scelta della giusta scala sono davvero tanti:

  • Tipologia, ovvero forme e materiali, della ringhiera/balaustra in rapporto al tipo di gradino.
  • Stile della scala in rapporto allo stile dell’arredo (forme geometriche, organiche, minimali).
  • Materiali che valorizzino o mascherino la struttura della scala, ed associazioni preferenziali di materiali (legno-metallo, vetro-legno…).
  • Colore.
  • Eventuali soluzioni originali per dare carattere alla scala.
  • Illuminazione dei gradini, del vano scala, del pianerottolo.
Interior Design: tante scale per ogni esigenza

Scale a giorno

La struttura delle scale a giorno occupa un certo spazio e permette il collegamento verticale tra due piani. Queste si adoperano come scale principali e possono essere a rampa unica oppure a L.
Possono avere una propria struttura, in metallo, in legno, o appoggiarsi ai muri perimetrali. A seconda del modello, i gradini possono essere a sbalzo, fissati alla parete, o poggiare sulla struttura della scala stessa.
Comoda, spaziosa e versatile, una scala a giorno necessita di spazi ampi nonché di accurate verifiche strutturali.

Scala a giorno

www.pixabay.com

 

Scale a chiocciola

La scelta di una scala a chiocciola, sviluppata su se stessa con un andamento elicoidale, è senz’altro il modo migliore per risparmiare spazio senza rinunciare allo stile. Tuttavia non è una soluzione che va sempre bene in quanto la forma dei gradini e l’altezza delle alzate rende il suo utilizzo lievemente più scomodo rispetto ad una scala a giorno. Può essere a pianta circolare, quadrata o ellittica. I gradini si agganciano ad una struttura portante, detta spina o piantone, fissata a terra e a soffitto.
Anche le scale a chiocciola, come quelle a giorno, diventano un vero componente d’arredo: ecco perché accanto alla funzionalità ci sono prodotti attenti al design.

Di facile posa, può collegare diversi livelli in spazi minimi e può essere utilizzata come scala secondaria o salva spazio per soppalchi.

Scala a chiocciola

www.pixabay.com

 

Scale prefabbricate

La scala da interno prefabbricata è costituita da elementi a blocchi montati in loco. Le nuove scale prefabbricate sono sempre più considerate veri e propri elementi d’arredamento, da scegliere nelle finiture adatte. Le più diffuse hanno una struttura interamente in metallo o con gradini in legno o vetro.

Scala prefabbricata

www.pixabay.com

 

Scale in muratura

Una scala da interno in muratura risulta certamente più costosa della variante prefabbricata. Essa è costruita in loco e può essere a doppia rampa e, ovviamente, in diversi stili. In questa tipologia di scala, la ringhiera è di fondamentale importanza in quanto presenta degli elementi decorativi che danno un tocco in più non solo alla scala stessa ma all’intero ambiente.

Scala in muratura

www.pixabay.com

 

Scale sospese

La scala da interno sospesa è stata pensata per ambienti raffinati e moderni. Si tratta di una scala a rampa unica, con moduli base in acciaio saldati alla parete che sorreggono il gradino. Una scala quasi fluttuante che regala un senso di leggerezza, ancor di più se in vetro.

Scala con gradini sospesi

www.pixabay.com

 

Miniscale

La miniscala è una soluzione salva spazio composta da moduli adattabili alle singole esigenze. Ideale per colmare dislivelli non troppo alti o per raggiungere soppalchi, senza sottrarre troppo spazio al locale.
Di facile posa, è particolarmente usata come scala secondaria o come collegamento con soppalchi e mansarde. È sconsigliata per persone con ridotte capacità motorie.

Scale retrattili

La tipologia di scala retrattile permette di non avere un ingombro fisso. Essa viene utilizzata all’occorrenza e si nasconde quando non serve, ripiegandosi su se stessa. Un sistema di scala a scomparsa è ideale  per raggiungere ambienti poco utilizzati.
Per realizzare una scala del genere è necessario creare una botola nel soffitto che servirà per contenere l’elemento quando è chiuso e come passaggio quando, invece, la scala è aperta. Le scale retrattili possono essere in alluminio o acciaio, materiali leggeri, possono avere un’apertura manuale o motorizzata, pieghevoli o con apertura a soffietto. Questo tipo di scala risulta pratica e sicura.

TI È PIACIUTO L’ARTICOLO?  ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER GRATUITA

Per altre curiosità e informazioni sugli abitanti continuate a seguirci su www.habitante.it

Written by

Designer e Dottoressa in Lingue Moderne per il Web