Termostato intelligente: come funziona e quali sono i vantaggi

Metà Novembre, le temperature sono in calo e inevitabilmente il pensiero corre agli aumenti dei costi in bolletta che l’accensione dei riscaldamenti comporta, con un impatto negativo anche sull’inquinamento atmosferico. In generale, obiettivo comune è ridurre i consumi di luce e gas. Per farlo, spesso si limita l’uso degli elettrodomestici, facendo attenzione alle fasce orarie di risparmio oppure, nel caso dei riscaldamenti, si sceglie di rinunciare a mantere sempre calda la casa.

Ecco che ci possono venire in aiuto le nuove tecnologie, come i termostati intelligenti, che servono proprio a ottimizzare l’utilizzo dei riscaldamenti, spendendo meno e aiutando l’ambiente. Tali dispositivi, definiti smart, razionalizzano l’impiego delle caldaie, evitando così inutili sprechi.

Come funziona un termostato intelligente

Chi ha a casa un termostato lo sa, bisogna agire su di esso per regolare la temperatura e questo implica che la temperatura rimanga piuttosto alta anche se ci si assenta a lungo da casa. Il termostato intelligente, invece, imposta un programma di riscaldamento personalizzato che tiene conto delle abitudini degli utenti, modificabile in qualsiasi momento tramite una semplice app per Smartphone.

In pratica, si può programmare a distanza l’accensione dei riscaldamenti così da trovare la casa calda. Viceversa, è possibile impostare l’abbassamento della temperatura o lo spegnimento dei termosifoni, quando l’abitazione è vuota o quando si è fuori per le vacanze, ad esempio. Inoltre, ogni mese, l’App elabora un bilancio di risparmio energetico personalizzato, per controllare i consumi e adattarli a un risparmio ottimale.

Dicevamo, il termostato intelligente permette la creazione di programmi personalizzati che si basano sul proprio stile di vita. Ad esempio, sull’orario di risveglio al mattino e di uscita per andare al lavoro, oppure il rientro a casa. Non solo, se ci si avvale anche di Valvole Termostatiche Intelligenti, è possibile rendere questi programmi ancora più dettagliati e impostare temperature diverse a seconda delle stanze, così da non dover accendere tutti i termosifoni di casa.

Qualche tempo fa, vi abbiamo parlato di Google Home ,un sistema di dispositivi con Assistente Google integrato, capace di gestire tutti gli elettrodomestici di casa e tanto altro. Cosa c’entra? Anche i termostati intelligenti dialogano con questo sistema. Gli utenti Google Home possono dunque chiedere all’Assistente Google di cambiare la temperatura della casa. Semplicemente dicendo, ad esempio: “Ok Google, alza la temperatura di due gradi”. Troppo bello per essere vero, si direbbe.

funzionamento termostato intelligente

Vantaggi anche per l’ambiente

Ridurre i consumi domestici significa automaticamente ridurre l’impatto sull’ambiente. A tal propostio, ricordiamo la direttiva UE 30 Maggio 2018/844, entrata in vigore dal 9 luglio scorso, che prevede l’obbligo di recepimento entro il 10 marzo 2020. Il provvedimento difatti modifica le indicazioni relative alla prestazione ed efficienza energetica degli edifici , allo scopo di far sì che, nella costruzione edilizia il consumo di energia arrivi sempre più vicino allo zero.

Ciò non a caso, in quanto proprio agli immobili è riconducibile circa il 36% di tutte le emissioni di CO2 nell’Unione Europea. Come fare? L’idea sarebbe quella di innalzare le soglie di efficienza degli impianti di riscaldamento e di condizionamento dell’aria e di promuovere investimenti privati per il recupero degli immobili esistenti, oltre che di informare in mofo approfondito i consumatori. La soluzione che potremmo adottare nelle nostre abitazioni sarebbe proprio l’acquisto di un termostato intelligente.

Ada Maria De Angelis