Fiori artificiali: diversi modi per arredare la nostra casa

La storia ci racconta che i primissimi fiori artificiali siano comparsi ben 3000 anni fa. Nel Libro dei Re, vecchio testamento, si racconta della Regina di Saba, la quale aveva posto a Salomone diversi enigmi da risolvere per capire se egli fosse degno di lei. Tra le ardue prove che costui dovette affrontare, c’era quella di riconoscere l’unico giglio vero nascosto tra dodici mazzi di fiori finti.

Questa è la prima testimonianza che abbiamo dei fiori artificiali. Il loro scopo e utilizzo era lo stesso dei giorni d’oggi. Venivano utilizzati per i matrimoni o le grandi occasioni, raccogliendo un gran numero di tipologie diverse senza badare ai tempi di fioritura che ogni fiore ha. Oppure venivano utilizzati come accessorio di abbigliamento. Infine utilizzati come ornamento nelle proprie case.

Ma come possiamo sfruttare al meglio i fiori artificiali?

Se vi piacciono le idee semplici e rapide, la soluzione migliore è attrezzarvi di un bel cestino di vimini e porvi al suo interno un mazzo di fiori artificiali colorati. Magari scegliete un fascio di rose color rosa antico, adagiandolo nel cestino creando un perfetto clima romantico tipico dello stile shabby chic.

fiori finiti habitante

Shutterstock – Det-anan

I fiori artificiali non sempre bisogna utilizzarli come se fossero veri. Potete tentare di camuffarli in vasi veri o trasparenti, mettendoci un po’ di terra per confondere i vostri ospiti. Però il bello dei fiori finti è anche quello di essere sfacciatamente reali. Spendendo davvero pochi soldi potrete trovare fiori capaci di ingannare anche l’occhio più esperto. Altro che fiori più costosi del mondo.

Allora perché non sfoggiare un bel mazzo di fiori di lavanda in un secchio di latta o in un catino? Rigorosamente artificiali, richiamerà nuovamente lo stile shabby chic che tanto ci piace.

Ma non solo. I fiori artificiali possono essere utilizzati lungo le pareti di casa nostra. Possiamo creare la nostra composizione floreale, dando vita a delle fantastiche ghirlande pronte per essere appese.

I fiori finti possono essere utilizzati in svariati modi. Ci si può decorare una cornice vecchia e rovinata. È possibile riempire una gabbia per uccelli e renderla un ottimo oggetto d’arredamento. Possono essere posti come centrotavola o come oggetti per vivacizzare soprammobili di ogni tipo. Con i fiori artificiali possiamo davvero sbizzarrirci.

fiori finti habitante

Shutterstock – romeo61

Se non sei un grande amante del pollice verde i fiori artificiali possono davvero essere la soluzione che cercavi.

Pillole di curiosità – Io non lo sapevo. E tu?

  • I fiori di seta, carta, di sottile lamina o pergamena divennero piccoli oggetti d’arte per collezionisti. Si cercava di superare la natura, intesa come arte, con qualcosa di nuovo, di stupefacente.
  • I fiori artificiali venivano utilizzati come elemento decorativo nell’abbigliamento e nell’arredamento nel Medioevo. Dal XVI secolo registrarono il vero grande boom della loro storia. I grandi scrittori dell’epoca descrivono donne che si aggiravano con “la testa ornata di fiori di seta e d’oro lavorati sottilissimamente”.
  • Furono gli italiani a introdurre i fiori artificiali in Francia. Nell’inventario della corona di Luigi XIV nel 1673 figurano bel 3000 mazzi di fiori artificiali realizzati in seta o con tecniche cinesi. Degli italiani in Francia si diceva “bravissimi anche in quest’arte: persino la nobiltà italiana si occupa di far fare fiori artificiali”.

TI È PIACIUTO L’ARTICOLO?  ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER GRATUITA

Per altre curiosità e informazioni continuate a seguirci su www.habitante.it