Facebook lancia Messenger Room: video chat fino a 50 partecipanti

Facebook ha appena presentato una serie di novità che aiutano a collegarsi a video con le persone lontane

Il noto social network ha da poco lanciato Messenger Rooms, un nuovo servizio per video chiamate di gruppo.

Altre novità sono:

  • nuove funzionalità per i Video Live su Facebook e Instagram
  • ampliamento delle videochiamate di gruppo su WhatsApp: presto sarà possibile includere fino a 8 persone nelle chiamate e video di gruppo

Il blogpost relativo al lancio di Messenger Rooms, firmato da Stan Chudnovsky, VP Messenger, ha illustrato tutti i dettagli sulle altre novità presentate, oltre a un documento specifico sulla Privacy per Messenger Rooms.

Messenger Rooms è uno strumento che permette di  collegarsi in tempo reale  con amici e familiari tramite videochiamate di gruppo quando non è possibile incontrarsi di persona.

Messenger Rooms

Quali sono i controlli e le opzioni disponibili?

Possiamo aprire una Stanza da Messenger o Facebook e, molto presto, si potrà farlo anche da Instagram, WhatsApp e Portal. Chi crea la stanza controlla anche chi può partecipare, chi può entrare, come trovarla e se attivare o meno il link di accesso. Le impostazioni predefinite per la privacy sono state ideate per essere coerenti con ciò che ci si aspetta quando si crea una Stanza, come quando si posta qualcosa su un Gruppo rispetto a quando si chatta in privato su Messenger. Ecco gli strumenti:

Locking

Le Stanze possono essere chiuse o aperte quando inizia la call. Se una stanza è chiusa, nessuno può accedere, fatta eccezione per l’amministratore di un Gruppo se le stanze sono create tramite Gruppo

Rimozione di un partecipante

Chi crea una Stanza può rimuovere eventuali partecipanti indesiderati. Se lo fa o se lascia la call, la stanza si chiude automaticamente e solo questa persona potrà riaprire la call in modo che altri possano collegarsi.

Come abbandonare una stanza

Se in qualsiasi momento non ci sente al sicuro all’interno di una Stanza, la si può abbandonare. Il fatto che la Stanza sia chiusa non obbliga nessuno a rimanere.

Come segnalare eventuali violazioni

È possibile segnalare una Stanza o qualcuno che si ritiene violi gli Standard della comunità di Facebook. È importante sapere che la segnalazione non include audio o video della stanza.

Bloccare qualcuno

Possiamo bloccare qualcuno che non ci piace sia su Facebook sia su Messenger senza che ne sia informato. Quando questa persona accede a Facebook, non potrà entrare in una Stanza creata da te e noi non potremo fare lo stesso per una stanza creata da lui/lei.

Chi può vedere le mie informazioni e attività?

Facebook ha dichiarato che  non vedrà e non ascolterà le nostre conversazioni usando Rooms dal nostro account Facebook o partecipando come ospite.

Cosa sa Facebook di noi?

Messenger-RoomsCome ospite, senza essere loggato a Facebook, ci verrà chiesto solo il nome, che verrà mostrato per permettere al proprietario della Stanza e ai suoi ospiti di identificarci. Facebook tuttavia alcuni dati li riceve, come i dati di login quali la tipologia del dispositivo con cui ci colleghiamo o l’indirizzo IP.

Quando invece ci colleghiamo a una Stanza attraverso Facebook o Messenger, i partecipanti che non sono nostri amici su Facebook potranno vedere e sentire ciò che diciamo o condividi nella Stanza, ma non avranno accesso ad altre informazioni su di noi da Facebook.

Potranno vedere solo il nostro nome e le informazioni pubbliche del tuo profilo Facebook, come la foto profilo o i post che reso pubblici.

Che impatto ha Rooms sulla raccolta di dati e la pubblicità?

Facebook raccoglie informazioni su di noi da Rooms sia che ci si colleghiamo attraverso una delle sue App, sia che l’accesso avvenga senza loggarti al tuo account Facebook.

Facebook dichiara di  non vedere e non ascoltare le conversazioni che avvengono all’interno di Rooms. Significa che né audio né video vengono usati per servire annunci pubblicitari.

Se non abbiamo un account Facebook, non vedremo annunci pubblicitari sulle nostre piattaforme, ma la piattaforma potrà usare i dati raccolti per fornire annunci mirati sulle  piattaforme alle persone che hanno un account.

Rooms si basa su Messenger e quindi usa la stessa tecnologia per crittografare una conversazione video e audio mentre transita dai dispositivi delle persone ai server di Facebook, collocati in Paesi che hanno leggi rigide in materia. Rooms non utilizza la crittografia end-to-end. Ci sono dei limiti tecnici nell’impiego della crittografia end-to-end per video call con più di 50 partecipanti.

Pillole di curiosità – Io non lo sapevo e tu?

TI È PIACIUTO L’ARTICOLO?  ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER GRATUITA

Per altre curiosità e informazioni continuate a seguirci su www.habitante.it

Written by

Iscritto all’ordine dei giornalisti del Piemonte, inizia la sua attività come Web Specialist nel 1996 presso il Politecnico di Torino, durante il quale svolge le sue prime docenze alla Facoltà di Architettura, all’Università di Torino e all’Università Statale di Milano su materie legate alla comunicazione digitale e alla progettazione CAD architettonica. Si occupa da un ventennio di divulgazione scientifica. È direttore responsabile di habitante.it, content farm digitale che si occupa di marketing e comunicazione, nata da un progetto ideato per supportare l’Osservatorio sulla Casa di Leroy Merlin Italia e sviluppato insieme a Unione Nazionale Consumatori.