15 febbraio, San Faustino: ecco perché è il protettore dei single

Il 15 febbraio è il giorno dedicato a San Faustino martire, il protettore dei single.

Il 15 febbraio è San Faustino. Ma chi era Faustino? Perché è il protettore dei single? E come si festeggia oggi questa ricorrenza?

Chi è San Faustino

San Faustino è un martire del II secolo e Patrono di Brescia. Una leggenda racconta che Faustino era un cavaliere, figlio di una famiglia di Brescia molto ricca di origine pagana. Affascinato dalla religione cristiana si fece battezzare dal vescovo Apollonio e decise di dedicare la sua vita all’evangelizzazione delle terre bresciane. Faustino iniziò ad essere perseguitato dagli altri nobili perché si rifiutò di fare sacrifici in onore degli dei. Tale questione fece molto arrabbiare anche l’imperatore, il quale ordinò di darlo in pasto ai leoni che, però, si sedettero ai suoi piedi invece di divorarlo. Il sovrano, sempre più adirato, decise di farlo bruciare, ma anche in questo caso Faustino la scampò perché le fiamme non lo investirono. Si narra che San Faustino fu ucciso il 15 febbraio. A Brescia sorge la chiesa di San Faustino, luogo votivo dove riposano le spoglie del Santo.

Le origini della festa dedicata ai single

Con la leggenda di San Faustino i single c’entrano ben poco. Solo per caso San Faustino è stato scelto come protettore dei single. Coloro i quali il 14 febbraio non avevano amori da celebrare necessitavano di un protettore. Chi meglio di San Faustino? Innanzitutto il nome Faustino deriva dal latino fausto, fortunato, un nome perfetto, propiziatorio per chi cerca l’anima gemella. Favorevole anche la sua collocazione sul calendario, proprio il giorno dopo San Valentino, Santo e protettore degli innamorati.

15 febbraio, San Faustino: ecco perché è il protettore dei single

shutterstock_492007228 Di G-Stock Studio

Come si festeggia San Faustino

Mentre San Valentino viene festeggiato con fiori, cioccolatini e cene a lume di candela, nel giorno di San Faustino il romanticismo è assolutamente bandito. I single, che lo siano per scelta o per destino, celebrano il loro Santo stando con gli amici (single a loro volta), andando a ballare o, negli ultimi anni, partecipando a delle feste organizzate.

Pillole di curiosità –  Io non lo sapevo e tu? 

  • In passato, prima che la festa dei single diventasse nazionalpopolare, a Brescia con la scusa di festeggiare il patrono San Faustino i ragazzi single potevano conoscere qualcuno e fare tardi la sera: da qui nascerebbe l’idea della festa dei single.
  • Esiste qualcosa di simile in Giappone: il 14 aprile, il Black Day, chi non ha ricevuto del cioccolato, al ristorante ordina un piatto di pasta con il nero di seppia per manifestare la propria solitudine.
  • I single in Italia sono sempre più numerosi, il vero boom è stato nel 2019.
  • Secondo un’indagine di SpeedDate.it, in quasi tutti i Paesi del mondo oggi il numero dei nuclei mono personali sta superando quello delle famiglie.

TI È PIACIUTO L’ARTICOLO?  ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER GRATUITA

Per altre curiosità e informazioni sugli abitanti continuate a seguirci su www.habitante.it

Post Tags
Share Post
Written by

Designer e Dottoressa in Lingue Moderne per il Web