SuperShe Island: vietato l’ingresso agli uomini

In Finlandia, nello splendido arcipelago di Raseborg, nel Mar Baltico, esiste un’isola dove solo le donne sono ammesse: è SuperShe Island. Poco più di tre ettari, quattro chalet in perfetto stile hygge scandinavo dotati di ogni confort e immersi tra pini e licheni. Sono questi gli ingredienti dell’isola per sole donne, il paradiso naturale riservato al gentil sesso che a giugno ha “aperto i battenti”. Dietro questo progetto c’è Kristina Roth, imprenditrice americana, amministratore delegato di una società di consulenza tra le più quotate del mondo.

La Roth, racconta, era in vacanza in California, quando ha avuto l’intuizione di creare SuperShe Island. In quell’occasione, ha dichiarato al  New York Post “Bastava che ci fosse un maschio carino e automaticamente le ragazze si mettevano il rossetto”.  La Roth ci tiene a precisare che non ha nulla contro gli uomini e che il suo intento è quello di dare vita a una comunità in cui le donne possano creare legami, dedicarsi al proprio benessere, confrontarsi, senza interferenze e quindi senza uomini intorno.

Come?

Sull’isola privata a un’ora da Helsinkhi possono soggiornare solo 10 ospiti, in quattro cabine lussuose arredate in Vogue, dotate di saune finlandesi, centri massaggi, palestre e immerse nella natura. Il tempo libero sull’isola è tutto all’insegna del benessere fisico e mentale delle donne: corsi di cucina, yoga, meditazione, sono alcune delle occupazioni che Kristina riserva alle sue ospiti. E ovviamente tutto il personale di SuperShe Island è femminile.

SUPERSHE

Se vi state chiedendo come fare a prenotare un soggiorno, dovete sapere che è necessario prima diventare membri della SuperShe Society, comunità multimediale nata dal blog che aveva aperto la Roth qualche anno fa. Per farlo, bisogna compilare un vero e proprio modulo di iscrizione, con tanto di lettera motivazionale e sperare di essere selezionate per un colloquio con la fondatrice, Kristina. Le tariffe? Una settimana sull’isola costa circa 3000 euro, inclusi pasti e attività.

L’obiettivo di Kristina Roth è riuscire a inaugurare altre isole per sole donne in tutto il mondo. Nel frattempo, ha già in mente la prossima sede: un’isola nell’arcipelago britannico Turks e Caicos. Voi cosa ne pensate?

Ada Maria De Angelis