Valorizzare il borgo con la natura: abbellire Pontechianale con i fiori

In un periodo di grande fermento per la rivitalizzazione dei borghi d’Italia, è proprio in provincia di Cuneo che si dà il via a una bella iniziativa: abbellire Pontechianale con i fiori.

La nascente Pro loco decide di ufficializzare due importanti novità che riguardano il decoro urbano e i servizi alle famiglie con il grande apporto di idee e di energia dei giovani. E’ diventato infatti virale sui social l’appello rivolto ai residenti e ai titolari delle attività commerciali di abbellire il proprio angolo del borgo con qualche fiore.

Pontechianale

Credits: wikipedia

I giovani della Pro loco di Pontechianale dicono: “Partecipare ad un progetto spontaneo di cura del borgo: basta una piccola fioriera, qualche bocciolo e un po’ di creatività per rendere più bello il nostro paese. Insieme si può fare!”. Molti gli sponsor accorsi per questa interessante iniziativa che con semplici richieste pongono attenzione su una questione molto importante: il cambiamento parte dal basso, dalle piccole cose che tutti noi possiamo fare. Tra le aziende sostenitrici del progetto per abbellire Pontechianale con i fiori ci sono Alessandro della Abbate vivai e aree verdi; l’azienda di Alba ha infatti deciso di regalare alla Pro loco, e quindi al paese intero, diversi arredi urbani e fiori per un valore commerciale maggiore rispetto a quello concordato dalla partnership. Un gesto davvero lodevole che dimostra il valore di chi ama il borgo e ha voglia di dare il proprio contributo al raggiungimento dell’obiettivo: rivitalizzare il borgo di Pontechianale con i fiori.

fiori

Chiaramente il grande buzz che ha fatto online questa iniziativa ha avuto ripercussioni anche su altri luoghi d’Italia e ha dato spunto a molte altre associazioni, tra cui alcune delegazioni del FAI – Fondo Ambiente Italiano – che lavorano costantemente per la valorizzazione del patrimonio artistico e paesaggistico del Paese, abbracciano attività di questo tipo per sensibilizzare i cittadini.

E’ importante sentirci parte dei luoghi che viviamo, dove trascorriamo gran parte delle nostre giornate o, talvolta, della nostra vita. Un gesto apparentemente così semplice, quello di abbellire Pontechianale con i fiori, ma allo stesso tempo così raro ci dimostra quanto possiamo fare per migliorare il nostro pianeta dal punto di vista ambientale, e quanto poco in realtà facciamo nella quotidianità. Il decoro urbano è un elemento caratterizzante soprattutto nelle piccole realtà come i borghi.

L’ANCI, che si occupa di promozione e valorizzazione storica, paesaggistica, culturale e turistica, dichiara che in Italia esistono 280 borghi e la maggior parte di questi rappresentano dei veri e proprio gioielli del nostro patrimonio culturale. Uno scrigno pieno di tesori da scoprire, custodire, valorizzare, tutelare e promuovere: la conoscenza è alla base di ogni operazione di promozione.

Riappropriarsi del proprio territorio attraverso iniziative come questa di Pontechianale con i fiori è un’operazione sociale, prima che strategica per il turismo, davvero interessante. Facciamo i nostri complimenti alla Pro loco e speriamo di veder rifiorire presto tutti i preziosi borghi d’Italia.

Leggi anche: Craco, l’incantevole borgo “fantasma” lucano, Le montagne più belle d’Italia: trovale e lasciati stupire

 

Serena Giuditta