Feng Shui: l’arredamento e i colori giusti per il nostro Habitat

Feng Shui, l’antica arte orientale 

Il Feng Shui ha origini antichissime ed è una disciplina orientale che si basa sulla lettura  e sull’interpretazione del paesaggio, delle forme architettoniche e degli spazi interni, il cui obiettivo cardine è quello di ricercare l’armonia nell’ambiente domestico che abitiamo e annullare il flusso di energia negativa.

Più in generale, l’arte del Feng Shui pone la nostra energia vitale in relazione allo sviluppo degli eventi naturali, che viene guidato da due principi fondamentali, quali il Ch’i, ossia l’energia interna del corpo umano e l’equilibrio dinamico di Yin e Yang.

Letteralmente il termine significa “vento e acqua”, elementi naturali indispensabili per la vita che nella pratica orientale rappresentano l’uno, il principio umido oscuro e femminile dello yin, e l’altra, principio caldo luminoso e maschile.

Disposizione, arredamento e colori della casa secondo il Feng Shui

Secondo la filosofia del Feng Shui la disposizione e l’arredamento degli spazi interni sono fattori essenziali che non bisogna sottovalutare, in quanto incidono di gran lunga sul nostro benessere fisico e mentale in base al flusso di energia positiva o negativa del Ch’i personale.

Si tratta, dunque, di considerare i segnali naturali dell’ambiente interno.

In ciascuna delle stanze che abitiamo ci sono energie che interagiscono positivamente con chi lo vive quotidianamente e  che aiutano a superare i momenti di stress, favorendo la meditazione, il sonno e l’ottimismo. Un ambiente arredato nel modo sbagliato può creare dei ristagni di energie negative e peggiorare il nostro benessere psico-fisico.

Leggi anche “Architettura olistica”

Il soggiorno

feng shui soggiorno

www.flickr.com

Il soggiorno è quello spazio della casa in cui si predilige una forma quadrata o rettangolare, inoltre  il divano si rivela un elemento d’arredo indispensabile che, possibilmente, deve essere collocato nell’angolo di fronte alla porta e a ridosso del muro. L’illuminazione dev’essere diffusa e soffusa mai diretta, perciò è ottimo disporre delle candele in vari punti, mentre i colori che vanno preferiti sono quelli che favoriscono la convivialità: toni caldi della terra come il beige o il marrone, ma anche i più accesi come il giallo, rosso e l’arancione.

La cucina

feng shui cucina

www.pinterest.com

La cucina è un ambiente vivace e stimolante ed il colore adatto è il giallo inteso, che può essere accostato ad altre tonalità della terra, ma anche il bianco può andar bene abbinato al verde.

Questa non deve mai avere un accesso diretto dall’ingresso e la porta dev’essere sempre alle spalle di chi cucina ed i fornelli è bene non porli mai sotto una finestra e distanti dall’acquaio e dal frigo.

La camera da letto

La camera da letto è deputata al relax e al riposo, pertanto sono sconsigliati i colori intesi e vivaci, mentre sono gradevoli tonalità pastello come il rosa, il lilla, il verde-giallo o il crema che sono in grado di facilitare il sonno.

camera da letto feng shui

www.ronibats.com

Secondo il Feng Shui, il luogo migliore per la camera da letto si trova il più lontano possibile dall’ingresso principale e dalla strada, mentre all’interno della stanza il letto dovrebbe essere collocato trasversalmente, con la testata orientata verso est. La posizione ottimale è nell’angolo diagonalmente opposto all’entrata, in modo tale da non avere mai testa o piedi che puntino direttamente verso l’ingresso della stanza.

L’ufficio

Lo studio è un’altra stanza della casa, la cui disposizione è essenziale per il flusso di energia positiva e per stimolare il QI (quoziente intellettivo) e l’apprendimento durante il giorno.

Per rispettare il Feng Shui in ufficio il tavolo da lavoro dovrebbe essere collocato nel punto più forte del locale, ossia davanti all’ingresso, in modo che la schiena sia protetta e lo sguardo possa avere il controllo diretto della porta e della finestra.

Emanuela Borsci